Loading
Lug 31, 2020

Chi viene e chi va

Atelier010
scritto da Atelier010
nella categoria Coworkers Talks

Lo Spazio accoglie e prende una nuova forma ad ogni arrivo.

Respira il respiro di chi c’è, riflette sguardi, restituisce l’energia di chi giorno dopo giorno si appropria di una postazione rendendola sua. Non sono più l’ultima arrivata, lo scopro una mattina quando, alzando gli occhi dai miei pensieri, li appoggio in diagonale addosso ad un viso nuovo contornato da un filo di barba che riempie l’atmosfera di parole in un inglese fluente e che racconta di come siano in risalita le quote maschili all’interno del coworking.

Non resisto, sono troppo curiosa di saperne di più.

Mi avvicino in cerca di una chiacchierata e devo ammettere che trovo pane per i miei denti perché Nick Colantonio è subito disponibile a raccontarsi e a raccontarmi, lo spirito giusto per abitare lo Spazio, insomma. Italiano di Voghera, trentasette anni, trasferito a Londra quasi per gioco e rimasto lì ben dieci anni grazie anche alle possibilità che la city offre di crescita professionale, rientra in patria a causa della pandemia, pur continuando a svolgere il suo lavoro in modalità smart.

Che ci fa un italiano di Voghera a Pescara? 

Mistero presto svelato, perché Nick vanta origini abruzzesi e, ironia del destino, è arrivato fino a Londra per trovare moglie pescarese che poco prima della pandemia lo ha reso padre. È cittadino del mondo Nick, lo si percepisce dalle sue parole, non solo da quelle in inglese. Racconta di un lavoro che permette agli altri di realizzare i propri sogni di vacanza comparando le diverse offerte presenti sul web con la stessa semplicità con cui ci ritroviamo, un minuto dopo, a parlare di un piccolo posto dell’Abruzzo che entrambi abbiamo nel cuore. Arriva a Spazio 010 ad inizio luglio perché, pur potendo lavorare da casa, avvertiva la necessità di cambiare ambiente durante il giorno. Come mai Spazio 010?  La risposta iniziale mi spiazza: ha apprezzato il fatto che ci fosse una vista sull’esterno, elemento assente in altre strutture che aveva valutato. Guardare fuori offre la sensazione di avere una dimensione in più da vivere, ti permette quasi di vederla l’aria, ma non mi ero mai soffermata a rifletterci e mentre mi perdo a ragionare sulle infinite emozioni che può trasmettere una vetrata, Nick mi regala una confidenza preziosa, racconta di aver scelto Spazio 010 perché ha subito percepito un ambiente giovane e dinamico, a conferma che tutto ciò siamo va a riempire l’ambiente che quotidianamente viviamo. Possiamo pensare che diventerà parte dello zoccolo duro dello Spazio? È difficile fare ipotesi in questo senso, perché quando gli uffici riapriranno dovrà rientrare a Londra.

Ma lo Spazio sa che c’è chi resta, chi va via e chi torna anche dopo tanto tempo, perché un posto in cui stai bene non lo lasci mai del tutto.

 

 

 

 

Lascia un commento

×

Ciao!

Vuoi parlare con noi? Clicca qui sotto per chattare

× Scrivici