Loading
Ago 6, 2020

Chi viene e chi va: magica Emy

Giulia Cuzzi
scritto da Giulia Cuzzi
nella categoria Coworkers Talks

 

Lavorare in un coworking significa anche non esaurire mai la scorta di stupore a disposizione, grazie alle storie personali e professionali di tutti coloro che si accomodano dietro ad una postazione.

In un momento come quello attuale, un racconto di cambiamento radicale ha il sapore del gin tonic delle 19, rigenerate e distensivo.

La prima volta che ho visto Giada Corneli ho pensato di trovarmi faccia a faccia con Magica Emy, protagonista dell’omonimo cartone animato tanto amato da noi bambini degli anni ‘80, per via dei suoi capelli sfumati amabilmente di turchese. Poi, dopo averci chiacchierato, la sensazione è diventata certezza.

Si, perché la giovane ventinovenne abruzzese di Silvi, ha davvero trasformato la sua vita, come per magia.

Ma andiamo per gradi: la bella Giada fino a due anni fa lavorava come estetista e, per via della sua professione, accetta di trasferirsi a Milano e qui scatta la scintilla del cambiamento, avvenuto, come spesso accade, per caso: inizia a scrivere recensioni a livello amatoriale legate alla sua passione per la musica, poi trova un sito per cui lavorare e, nello stesso tempo, studia per trasformare passioni e sogni in nuova vita. Fino a poter scegliere di fare il salto e diventare a tutti gli effetti una freelance.

Il lockdown e la possibilità di lavorare in smart working hanno riportato Giada in questi mesi in Abruzzo accanto alla propria famiglia e, pur potendo lavorare da casa, ha scelto di cercare un coworking sia perché le distrazioni all’interno di un’abitazione condivisa con mamma e papà sono molteplici, sia perché la possibilità di una buona connessione e di tutto ciò che è legato alla sfera office in una realtà dedicata è assicurato.

Arriva a Spazio 010 tramite il passaparola di amici e subito decide di restare.

Le carte vincenti? l’ambiente informale e dinamico, professionale ma non rigidamente impostato.

La collaborazione e l’interazione che si respirano tra i coworkers, anche grazie a momenti di relax condivisi in cui ci si scopre come persone. La struttura in sé, aperta e a portata di sguardo con la libreria al piano terra che conferisce ancor più fascino.

Tra pochi giorni la sua esperienza presso Spazio 010 si concluderà, è arrivato il momento di rientrare a Milano, ma Giada lascia intendere che tornerà a trovarci. Vorrei abbracciarla per la disponibilità con cui ha soddisfatto le mie curiosità e più ancora per il coraggio che ha dimostrato nel coltivare passioni che l’hanno spinta a perdere l’equilibrio e a fare spazio al nuovo, nonostante comporti la fatica di riprendere lo studio e di sperimentare continuamente insoliti passi.

Come accennato nelle motivazioni che ti spingono a scegliere un coworking, sperimentare in maniera diretta il successo della scrivania accanto alla tua è una spinta motrice fortissima

Lascia un commento

×

Ciao!

Vuoi parlare con noi? Clicca qui sotto per chattare

× Scrivici